Gamberi

Posted by admin 09/04/2018 0 Commenti

Crudo di Gamberi Rossi di Mazara del Vallo in teriyaki marinade, con “tocco” di foglie di lapsang souchong polverizzate, germogli di luppolo selvatico “massaggiati” con aceto balsamico di Modena, soncino salad, germogli di ravanello rosso e fiori eduli di begonia corallina tamaya.

Vivere le emozioni della cucina zen, sentirne a pieno le suggestioni, raccontarne le sensazioni attraverso un viaggio costruito su tappe ben precise, dove la mente e gli occhi disegnano un percorso completato dall’assaggio, con il palato che rappresenta il punto di arrivo, lo scrigno in cui custodire “un indelebile” ricordo. Nella cucina zen il rapporto tra la scelta delle materie prime, la loro profonda conoscenza e il modus operandi per “creare” un piatto non è mai casuale. Tutto nasce dal cuore, dall’amore infinito per il cibo, dal rispetto immenso per ciò che decidiamo di portare “sul palcoscenico”. Cotture delicate, equilibri di sapori generati da grandi contrasti, e poi colori, profumi e soprattutto l’elemento del “nudo”. Nudo come la terra, con ingredienti cotti il meno possibile, nudo come la “forza” della natura, esaltata al massimo da sapori manipolati pochissimo, nudo come le mani dell’uomo che disegna un’emozione con la sua fisicità e con il calore del cuore. “Segnali di fumo” è un antipasto dove una sola grande materia prima, il gambero rosso di Mazara del Vallo, vive il suo momento di gloria circondato da compagni di viaggio, umili comprimari, ma altrettanto straordinari. Come un tè nero cinese Lapsang Souchong, affumicato e di qualità elevatissima, che diventa una polvere destinata a regalare il "decisivo" tocco finale. Come una salsa di soia fermentata, con solo il 40 per cento di sale, addolcita con lo zucchero di canna, e destinata a trasformarsi in una “marinatura” che dona le basi del gusto. E poi tutto ha una logica: le consistenze vanno in crescendo con i bruscandoli, germogli di luppolo selvatico, massaggiati con un grande balsamico di Modena. Non da meno sono i fiori di begonia corallina Tamaya, dalla nota di mela verde e dall’estetismo spiccatissimo. E i germogli di ravanello dalla nota piccantina e dall’immensa freschezza. A dimostrazione che bello e buono camminano insieme, abbracciati, stretti stretti, verso la meta finale del viaggio. Per poi ricominciare, perché in cucina l’emozione di un piatto non ci appaga mai fino in fondo dal momento che vogliamo viverne subito una nuova.



 

Per il gambero rosso di Mazara e la sua marinatura:
20 gamberi rossi di Mazara del Vallo freschissimi
200 ml di salsa di soia
1 cucchiaio di zucchero di canna
1 cucchiaio di mirin
Per il bruscandolo:
150 gr. di bruscandoli freschi
2 cucchiai di aceto balsamico di Modena
Per la decorazione:
1 cucchiaio di foglie di tè Lapsang Souchong
fiori eduli di begonia corallina Tamaya
soncino salad fresco
menta glaciale (rotundifolia)
germogli di ravanello rosso


 
 
 

Leave a Comment